Edi Rama

Edi Rama: Come rivitalizzare la tua città con la vernice

594,113 views • 15:42
Subtitles in 29 languages
Up next
Details
Discussion
Details About the talk
Transcript 29 languages
Translated by Sara Miotto
Reviewed by Anna Cristiana Minoli
0:16

Nella mia vita precedente, ero un artista Dipingo ancora. Amo l'arte. Amo la gioia che il colore può dare alle nostre vite e alle nostre comunità, e cerco di portare qualcosa di artistico in me nelle mie idee politiche, e ora è parte del mio lavoro e il motivo per cui sono qui, non solo per supportare il mio partito, ma per la politica, ed il ruolo che può giocare nel migliorare le nostre vite.

1:00

Per 11 anni, sono stato il sindaco di Tirana, la nostra capitale. Abbiamo affrontato molte sfide. L'arte era parte della risposta, e il mio nome, all'inizio, era legato a due cose: la demolizione di costruzioni abusive per riguadagnare aree pubbliche e utilizzare i colori per rivitalizzare la speranza che si era spenta nella mia città. Ma l'uso del colore non era solo un atto artistico. Al contrario, era una forma di azione politica in un contesto in cui il budget disponibile dopo la mia elezione ammontava a zero virgola qualcosa.

1:53

Quando dipingemmo il primo edificio, spalmando un radiante arancio su un sobrio grigio di una facciata, accadde qualcosa di inimmaginabile. Ci fu un ingorgo e una folla di persone si riunì come se fosse il luogo di un avvenimento spettacolare o la visita improvvisa di una pop star.

2:21

L'ufficiale dell'UE incaricato del finanziamento corse per bloccare il dipinto. Cominciò a strillare che voleva bloccare il finanziamento.

2:34

Ma perché? gli chiesi.

2:38

"Perchè i colori che avete ordinato non sono conformi agli standard Europei", replicò.

2:45

"Beh" gli dissi, "i dintorni non sono conformi agli standard europei, anche se non è quello che vogliamo, ma abbiamo scelto noi stessi i colori, perché è esattamente ciò che vogliamo. E se non ci consente di continuare il nostro lavoro, terrò una conferenza stampa qui, adesso, proprio in questa strada, e diremo alle persone che mi ha controllato proprio come i censori dell'epoca del realismo socialista."

3:22

Cosi si trovò in difficoltà e mi chiese un compromesso. ma io gli dissi no, mi spiace il compromesso ha un colore grigio e noi abbiamo abbastanza grigio da poter durare una vita intera. (Applausi) Così fu tempo del cambiamento

3:46

La riqualificazione degli spazi pubblici fece rivivere il sentimento dell'appartenenza ad un città che le persone avevano perso. L'orgoglio delle persone nei loro luoghi di vita, dove ci furono sentimenti che sono stati sotterrati profondamente per anni sotto la furia di costruzioni abusive e barbariche che sono spuntate fuori su spazi pubblici. E quando i colori sono emersi ovunque, l'animo del cambiamento ha iniziato a trasformare lo spirito delle persone. Iniziarono a diffondersi delle proteste " Cos'è questo? Cosa sta succedendo? Cosa ci stanno facendo i colori?

4:28

Così facemmo un sondaggio, il sondaggio più interessante che io abbia visto in vita mia. Chiedemmo alle persone, " Volete questa azione, e volete avere gli edifici dipinti in questo modo? Poi venne fatta la seconda domanda, "Volete che ci si fermi o che si continui? Alla prima domanda, il 63% delle persone rispose sì, ci piace. Il 37% disse no, non ci piace. Ma alla seconda domanda, la metà di quelli a cui non piaceva, voleva che continuassimo. (Risate)

5:03

Così abbiamo notato un cambiamento. Le persone hanno iniziato a buttare meno rifiuti per strada, per esempio, hanno iniziato a pagare le tasse, hanno iniziato a sentire qualcosa che avevano dimenticato, e la bellezza stava facendo da guardia laddove la polizia municipale, o lo stato stesso, mancavano.

5:30

Un giorno mi ricordo che stavo camminando lungo una strada che era appena stata colorata, ed eravamo in procinto di piantare alberi, quando ho visto un negoziante e sua moglie che stavano mettendo una facciata in vetro al loro negozio. Avevano buttato la vecchia serranda nel posto dove viene raccolta l'immondizia .

5:52

"Perché hai buttato via le serrande?" Gli ho chiesto.

5:56

"Beh, perché la strada è più sicura ora," hanno risposto.

6:01

"Più sicura? Perché? Hanno messo più poliziotti qui?"

6:07

"Ma va! Quali poliziotti? Lo puoi vedere di persona. Ci sono colori, lampioni, una nuova pavimentazione senza buche, alberi. Così è bello; è sicuro."

6:23

E, infatti, era la bellezza che stava dando alle persone questa sensazione di protezione. E non era un sentimento fuori luogo. La criminalità è diminuita.

6:40

La libertà che è stata ottenuta nel 1990 ha portato uno stato di anarchia in città, mentre la barbarie degli anni '90 ha portato una perdita di speranza per la città. La vernice sui muri non dava da mangiare ai bambini, né si è presa cura dei malati o ha istruito gli ignoranti, ma ha dato speranza e luce, e ha contribuito a far notare alla gente che ci potrebbe essere un modo diverso di fare le cose, uno spirito diverso, una sensazione diversa nella nostra vita, e che se portassimo la stessa energia e speranza in politica, potremmo costruire una vita migliore per noi stessi e per il nostro paese. Abbiamo rimosso 123 000 tonnellate di cemento solo dalle rive del fiume. Abbiamo demolito più di 5.000 edifici abusivi in tutta la città, e il più alto arrivava a otto piani di altezza. Abbiamo piantato 55 000 alberi e cespugli nelle strade. Abbiamo istituito una tassa verde, e poi tutti l'hanno accettata e tutti gli uomini d'affari l'hanno pagata regolarmente. Mediante concorsi, siamo riusciti a reclutare nella nostra amministrazione molti giovani, e così siamo riusciti a costruire un ente pubblico depoliticizzato dove gli uomini e le donne erano ugualmente rappresentati.

8:28

Organizzazioni internazionali hanno investito molto in Albania durante questi 20 anni, non tutti ben spesi. Quando ho detto ai direttori della Banca Mondiale che volevo che loro finanziassero un progetto per la costruzione di una sala modello per l'accoglienza dei cittadini proprio al fine di combattere la corruzione endemica giornaliera, loro non mi hanno capito. Ma le persone facevano lunghe code sotto il sole e la pioggia al fine di ottenere un certificato o solo una semplice risposta da due finestrelle di due chioschi metallici. Pagavano per saltare la coda, la lunga coda. La risposta alle loro richieste veniva accolta da una voce proveniente da questo buco nero, e, dall'altra parte, una mano misteriosa usciva a prendere i loro documenti mentre cercava la tangente fra vecchi documenti. Noi siamo riusciti a cambiare gli impiegati invisibili all'interno dei chioschi, ogni settimana, ma non siamo riusciti a cambiare questa pratica corrotta.

9:53

"Sono convinto", ho detto a un funzionario tedesco con la Banca Mondiale "che sarebbe impossibile per loro di essere corrotti se lavorassero in Germania, in un'amministrazione tedesca, proprio come sono convinto che se si metterssero funzionari tedeschi dell'amministrazione tedesca in quei buchi, verrebbero corrotti anch'essi."

10:20

(Applausi)

10:27

Non si tratta di geni. Non si tratta di alcuni che hanno una buona coscienza e altri che non ce l'hanno. Si tratta del sistema, si tratta di organizzazione. Si tratta anche di ambiente e di rispetto.

10:43

Abbiamo rimosso i chioschi. Abbiamo costruito la nuova sala luminosa che ha fatto credere alla gente, ai cittadini di Tirana, che fossero all'estero quando entravano per fare le loro richieste. Abbiamo creato un sistema di controllo online e quindi accelerato tutti i processi. Abbiamo messo il cittadino al primo posto e non gli impiegati.

11:11

La corruzione nell'amministrazione dello stato in paesi come l'Albania — non spetta a me dire per esempio anche la Grecia — può essere combattuta solo attraverso la modernizzazione. Reinventare il governo reinventando la politica stessa è la risposta e non reinventare le persone basandosi su una formula già pronta che il mondo sviluppato spesso tenta invano di imporre a persone come noi. (Applausi)

11:47

Le cose sono giunte a questo punto perché i politici in generale, ma soprattutto nei nostri paesi, ammettiamolo, pensano che le persone siano stupide. Danno per scontato che, succeda quel che succeda le persone debbano seguirli, mentre la politica, sempre più spesso non riesce a offrire risposte per le loro preoccupazioni pubbliche o le esigenze della gente comune. La politica è arrivata quasi ad assomigliare ad un gioco di squadra cinico interpretato da politici, mentre il pubblico è stato messo da parte come se fosse seduto sui gradini di uno stadio in cui la passione per la politica sta gradualmente facendo spazio alla cecità e alla disperazione. Visti da quei gradini, tutti i politici di oggi sembrano uguali, e la politica è arrivata quasi ad assomigliare ad uno sport che ispira più aggressività e pessimismo che coesione sociale e il desiderio di protagonismo civico.

13:01

Barack Obama ha vinto — (Applausi) — perché ha mobilitato la gente come mai prima attraverso l'uso di social network. Non li conosceva tutti, ma con un mirabile ingegno, è riuscito a trasformarli in attivisti dando loro tutte le possibilità di tenere nelle loro mani gli argomenti e gli strumenti di cui avrebbero bisogno per fare campagna per lui facendo la propria campagna. Io uso Tweeter. Mi piace un sacco. Mi piace perché mi permette di comunicare il messaggio, ma permette anche alle persone di far arrivare i loro messaggi a me. Questa è politica, non dall'alto verso il basso, ma dal basso verso l'alto e lateralmente, e permettere alla voce di tutti di essere ascoltata è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno. La politica non è solo dei capi. Non ha solo a che fare con i politici e con le leggi. Si tratta di come la gente pensa, come vede il mondo intorno a sé, come usa il suo tempo e la sua energia. Quando le persone dicono che tutti i politici sono uguali, chiedetevi se Obama è lo stesso di Bush, se François Hollande è lo stesso di Sarkozy. Non lo sono. Sono esseri umani con diversi punti di vista e diverse visioni del mondo. Quando la gente dice che nulla può cambiare, fermatevi un attimo a pensare a come il mondo era 10, 20, 50, 100 anni fa. Il nostro mondo è definito dal ritmo del cambiamento. Possiamo tutti cambiare il mondo.

14:47

Vi ho dato un piccolo esempio di come una cosa, l'uso del colore, possa rendere il cambiamento possibile. Voglio fare più cambiamenti come primo ministro del mio paese, ma ognuno di voi può rendere il cambiamento possibile se lo desidera.

15:06

Il presidente Roosevelt ha detto, "Credi di potercela fare, e sarai a metà strada".

15:13

Efharisto e kalinihta. [Grazie e buonanotte]

15:16

(Applausi)

Rendere una città bella, frenare la corruzione. Edi Rama ha scelto questo percorso, apparentemente semplice, in quanto sindaco di Tirana, Albania, dove è riuscito a infondere orgoglio nei suoi cittadini attraverso la trasformazione di spazi pubblici con design colorati. Attraverso progetti che hanno messo le persone al primo posto, Rama ha fatto diminuire la criminalità — e ha dimostrato ai suoi cittadini che potevano avere fiducia nei loro leader. (Filmato a TedxThessaloniki.)

About the speaker
Edi Rama · Politician

From 2000 to 2011 Edi Rama was the mayor of Tirana, where he implemented a series of reforms to take back the city for the people.

From 2000 to 2011 Edi Rama was the mayor of Tirana, where he implemented a series of reforms to take back the city for the people.