Vilayanur Ramachandran
5,223,249 views • 23:34

Dunque, come ha detto Chris, io studio il cervello umano le funzioni e la struttura del cervello umano. E voglio che pensiate per un minuto a cosa questo comporta. Qui c'è un ammasso di gelatina - un chilo e mezzo di gelatina che si può tenere sul palmo della mano e che può contemplare la vastità dello spazio interstellare. Può contemplare il senso dell'infinito e può contemplare se stesso mentre contempla il senso dell'infinito. E questa peculiare qualità ricorsiva che chiamiamo autoconsapevolezza, che ritengo sia il Santo Graal delle neuroscienze, della neurologia, e un giorno, speriamo, capiremo come questo accade. OK, allora come si fa a studiare questo organo misterioso? Voglio dire, ci sono 100 miliardi di cellule nervose, piccoli ciuffi di protoplasma che interagiscono gli uni con gli altri, e da questa attività emerge l'intero spettro delle abilità che chiamiamo natura umana e consapevolezza umana. Come accade? Dunque, ci sono molti modi per indagare le funzioni del cervello umano. Un approccio, quello che adottiamo principalmente, è studiare pazienti che hanno subito danni importanti ad una piccola area del cervello, dove c'è stata una modificazione genetica in una piccola area del cervello. Quel che avviene non è un'improvvisa riduzione di tutte le capacità mentali, una sorta di indebolimento delle abilità cognitive. Accade che la perdita è fortemente selettiva in una funzione mentre altre funzioni rimangono intatte, e questo ci permette di dire con una certa sicurezza che quella parte del cervello è coinvolta nella mediazione di quella funzione. Allora possiamo mappare la funzione sulla struttura, e scoprire dunque cosa sta facendo il circuito per generare quella particolare funzione. Ecco quello che stiamo cercando di fare. Lasciate che vi mostri alcuni suggestivi esempi. Durante questo talk vi mostrerò tre esempi, sei minuti ciascuno. Il primo esempio è una sindrome straordinaria, chiamata "sindrome di Capgras". Se guardate la prima slide, ecco i lobi temporali, i lobi frontali, i lobi parietali, OK i lobi che compongono il cervello. E se guardate, nascosta dentro la superficie interna dei lobi temporali — non la potete vedere, c'è una piccola struttura chiamata giro fusiforme. L'hanno chiamata l'area facciale del cervello perché quando è danneggiata, non si riconoscono più i visi delle persone. Puoi ancora riconoscerle dalla voce e dire: "oh sì, è Joe" ma non puoi guardarli in faccia e sapere chi è, capito? Non puoi nemmeno riconoscerti allo specchio. Voglio dire, sai di essere tu perché se strizzati l'occhio anche lui lo strizza e sai che si tratta di uno specchio, ma davvero non ti riconosci come te stesso. OK. Ora sappiano che quella sindrome è causata da danni al giro fusiforme. Ma c'è un'altra rara sindrome, di fatto così rara che davvero pochi medici, e persino neurologi, l'hanno mai sentita. Si chiama l'illusione di Capgras, e cioè un paziente che per il resto è del tutto normale ha avuto una lesione alla testa, esce dal coma completamente normale in tutto il resto, guarda sua madre e dice: "Questa donna sembra proprio mia madre, ma è un'impostrice — è un'altra donna che finge di essere mia madre". Ora, perché succede questo? Come mai — e questa persona è perfettamente lucida ed intelligente in tutto il resto, ma quando vede sua madre, l'illusione colpisce e lui dice che non è la madre. Ora, l'interpretazione più comune che si trova in tutti i manuali di psichiatria, è una visione freudiana, e cioè che questo tizio — la stessa cosa vale per le donne, ma parlerò solo di uomini — quando eri piccolo, un bambino, avevi una forte attrazione sessuale verso tua madre. Questo è il cosiddetto complesso di Edipo freudiano. Non sto dicendo di crederci, ma questa è la prospettiva freudiana standard. Poi quando cresci, la corteccia si sviluppa, ed inibisce queste pulsioni sessuali latenti verso tua madre. Grazie a Dio, altrimenti tutti voi vi eccitereste sessualmente quando vedete vostra madre. E quel che accade è che avete un colpo alla testa, che danneggia la corteccia, e queste pulsioni sessuali latenti emergono, giungono in superficie, improvvisamente e senza alcun motivo vi ritrovate sessualmente eccitati da vostra madre. E dite: "Mio Dio, se questa è mia mamma, come mai sono eccitato sessualmente? E' qualche altra donna. E' un'impostrice". Questa è l'unica interpretazione sensata per il vostro cervello lesionato. A me questo argomento non è mai sembrato sensato. E' molto ingegnoso, come tutti gli argomenti freudiani — (Risate) — ma non mi è mai sembrato molto sensato perché ho visto la stessa illusione in un paziente con la stessa illusione verso il suo barboncino. (Risate) Dice: "Dottore, questo non è Fuffy, assomiglia perfettamente a Fuffy, ma è un altro cane". D'accordo? Adesso provate ad usare la spiegazione freudiana. (Risate) Inizierete a parlare della bestialità latente di tutti gli esseri umani, o qualcosa del genere, il che ovviamente è piuttosto assurdo. Dunque, cosa sta realmente accadendo? Per spiegare questo curioso disturbo andiamo a guardare la struttura e le funzioni dei normali percorsi visivi nel cervello. Normalmente i segnali visivi vanno dentro ai bulbi oculari e giungono alle aree visive del cervello. Infatti ci sono 30 aree nella parte posteriore del cervello che si occupano solo di visione, e quando tutto è stato elaborato, il messaggio giunge ad una piccola struttura chiamata giro fusiforme, dove percepite le facce. Ci sono neuroni sensibili alle facce. La potete chiamate l'area facciale del cervello, d'accordo? Ne ho parlato prima. Ora, quando quell'area è danneggiata, perdete la capacità di vedere le facce, ok? Ma da quell'area, il messaggio arriva fin dentro una struttura chiamata amigdala nel sistema limbico, il centro emotivo del cervello, e quella struttura, chiamata amigdala, definisce il significato emotivo di ciò che stai guardando. E' una preda? Un predatore? Un amico? O è qualcosa del tutto insignificante, come un pezzo di garza, o del gesso, o un — Non voglio dire quello ma — o una scarpa, o qualcosa del genere? Ok? Qualcosa che potete ignorare completamente. Quindi se l'amigdala è eccitata, e questo è importante, il messaggio può arrivare fino al sistema nervoso autonomo. Il cuore inizia a battere più forte, cominciate a sudare per dissipare il calore che state per creare — a causa dello sforzo muscolare. E siamo fortunati, perché possiamo mettere due elettrodi sul palmo della mano e misurare la variazione nella resistenza cutanea prodotta dalla sudorazione. Quindi posso determinare, mentre guardate qualcosa, se siete eccitati o meno, ok? Ci arrivo fra un minuto. Quindi la mia idea era che quando questo tizio guarda un oggetto, un qualsiasi oggetto, il messaggio va alle aree visive e — comunque, viene processato nel giro fusiforme e lo riconosce come una pianta di piselli o un tavolo oppure sua madre, ok? E poi il messaggio va all'amigdala e poi al sistema nervoso autonomo. Ma forse in questo tizio, il collegamento che va dall'amigdala al sistema limbico — il centro delle emozioni nel cervello — è stato interrotto dal trauma. Quindi, dato che il giro fusiforme è intatto, il tizio può ancora riconoscere sua madre e dice, "Oh sì, ha l'aspetto di mia madre." Ma dato che il collegamento ai centri delle emozioni è tagliato lui dice, "Ma come mai, se è mia madre, non avverto nessun calore?" O terrore, a seconda del caso? Giusto? (Risate) Così si chiede "Come faccio a spiegare questa misteriosa mancanza di emozioni? "Questa non può essere mia madre. E' qualche strana donna che finge di essere mia madre". Come si fa a testarlo? Ecco come si fa, se si prende uno di voi e lo si mette di fronte ad uno schermo, e si misura la resistenza galvanica della pelle, e si mostrano immagini sullo schermo posso misurare quanto sudate quando vedete un oggetto, come un tavolo o un ombrello - certo, non sudate. Se vi faccio vedere l'immagine di un leone, o una tigre, o una pin-up, allora iniziate a sudare, giusto? E, che ci crediate o meno, se vi faccio vedere un'immagine di vostra madre — sto parlando di persone normali — cominciate a sudare. Non dovete nemmeno essere Ebrei. (Risate) Ora, cosa succede — cosa succede se le fate vedere a questo paziente? Prendete il paziente e gli fate vedere immagini sullo schermo e misurate la resistenza galvanica della sua pelle. Tavoli e sedie e garze, non succede niente, come nelle persone normali, ma quando gli fate vedere un'immagine di sua madre, la resistenza galvanica della sua pelle è piatta. Non c'è alcuna reazione emotiva a sua madre perché il collegamento tra le aree visive e i centri dell'emozione è interrotto. Quindi la sua visione è normale perché le aree visive sono normali, le sue emozioni sono normali — ride, piange e così via — ma il collegamento tra visione ed emozioni è interrotto e quindi ha l'illusione che sua madre sia un'impostrice. E' un esempio meraviglioso del genere di cose che facciamo prendiamo una bizzarra, quasi incomprensibile sindrome psichiatrica neurologica e diciamo che la visione freudiana standard è sbagliata, che in effetti possiamo fornire una spiegazione precisa in termini di anatomia neurale nota del cervello. A proposito, se poi questo paziente va, e la madre gli telefona da una stanza adiacente — gli telefona — e lui risponde al telefono, e dice "Wow, Mamma, come stai? Dove sei?" Non c'è alcuna illusione attraverso il telefono. E poi lei gli si avvicina dopo un'ora e lui dice, "Chi sei?" Hai proprio l'aspetto di mia madre." OK? Il motivo è che c'è una via separata che va dai centri dell'udito nel cervello ai centri delle emozioni che non è stato interrotta dal trauma. Questo spiega perché attraverso il telefono riconosce sua madre, senza problemi. Quando la vede di persona, dice che è un'impostrice. OK, quindi com'è organizzato questo circuito complesso nel cervello? E' natura, geni, o è cultura? E ci avviciniamo a questo problema considerando un'altra sindrome curiosa chiamata "arto fantasma". E tutti voi sapete cosa sia un arto fantasma. Se un braccio viene amputato, o una gamba viene amputata, per una cancrena, oppure viene persa in guerra, per esempio, nella guerra in Iraq — sta diventando un serio problema — si continua a sentire vividamente la presenza di quel braccio mancante, e quello viene chiamato braccio fantasma o gamba fantasma. In effetti, si può avere un fantasma di qualsiasi parte del corpo. Che ci crediate o meno, persino con i visceri. Ho avuto pazienti con l'utero rimosso — isterectomia — cha hanno un utero fantasma, crampi premestruali fantasma inclusi nel giusto periodo del mese. E infatti, uno studente mi chiese l'altro giorno, hanno anche la sindrome premestruale fantasma? (Risate) Un argomento maturo per indagini scientifiche, ma non abbiamo proseguito. OK, ora la prossima domanda è che cosa si può imparare sugli arti fantasma attraverso gli esperimenti? Una delle cose che abbiamo scoperto è stata che circa la metà dei pazienti con arti fantasma dicono di poter muovere il fantasma. Dà una pacca sulla spalla al fratello, risponde al telefono quando squilla, fa cenni di saluto. Queste sono sensazioni molto avvincenti, vivide. Il paziente non ha un'illusione. Sa che il braccio non è lì ma, ciononostante, è un'esperienza sensoriale avvincente per il paziente. Ma ad ogni modo, in circa metà dei pazienti, questo non accade. L'arto fantasma — dicono, "Ma dottore, l'arto fantasma è paralizzato. E' fissato in uno spasmo serrato ed è atrocemente doloroso. Se solo potessi muoverlo, forse il dolore verrebbe alleviato. Ora, perché un arto fantasma dovrebbe essere paralizzato? Sembra un ossimoro. Ma quando guardiamo le cartelle cliniche, quel che troviamo è che in queste persone con gli arti fantasma paralizzati, il braccio originale era paralizzato a causa dei danni ai nervi periferici, il nervo del braccio era stato danneggiato, tagliato da, diciamo, un incidente in moto. Quindi il paziente aveva un vero braccio, che era doloroso, in una benda per qualche mese, oppure un anno, e poi nell'infelice tentativo di eliminare il dolore nel braccio, il chirurgo amputa il braccio e poi si ha un braccio fantasma con gli stessi dolori, giusto? E questo è un problema clinico molto serio. I pazienti si deprimono. Alcuni di loro sono spinti al suicidio, OK? Quindi come si tratta questa sindrome? Ora perché abbiamo un arto fantasma paralizzato? Quando ho guardato la cartella clinica ho scoperto che avevano un braccio i cui nervi erano stati tagliati, e il braccio era stato paralizzato e penzolante in una benda per diversi mesi prima dell'amputazione e questo dolore poi viene trasferito al fantasma stesso. Perché accade? Quando il braccio era intatto, ma paralizzato, il cervello mandava comandi al braccio, la parte anteriore del cervello, dicendo "Muoviti", ma otteneva un feedback visivo che diceva "No." Muoviti. No. Muoviti. No. Muoviti. No. E il meccanismo viene impresso nei circuiti del cervello, e la chiamiamo "paralisi appresa", OK? Il cervello impara grazie a questo collegamento associativo di Hebb, che il comando stesso di muovere il braccio crei la sensazione del braccio paralizzato, e poi, quando il braccio è stato amputato, questa paralisi appresa viene trasferita — all'immagine del corpo ed al fantasma, OK? Ora, come si possono aiutare questi pazienti? Come si fa a disimparare la paralisi appresa così da liberarli da questo spasmo atroce del braccio fantasma? Bene, abbiamo detto, e se si potesse mandare il comando al fantasma, e dargli il feedback visivo che sta obbedendo al comando, giusto? Forse si potrebbe alleviare il dolore del fantasma, il crampo del fantasma. Come si fa? Realtà virtuale. Ma quella costa milioni di dollari. Così ho trovato un modo per farlo con tre dollari, ma non ditelo alle aziende che mi finanziano. (Risate) OK? Ho creato quella che io chiamo una scatola specchio. Prendi una scatola di cartone con uno specchio nel mezzo, e ci metti il fantasma — e il mio primo paziente, Derek, è venuto da me. Il suo braccio è stato amputato 10 anni fa. Ha sofferto un'avulsione brachiale, i nervi furono tagliati e il braccio rimase paralizzato, penzolante in una benda per un anno, e poi fu amputato. Aveva un braccio fantasma, atrocemente dolorante e non poteva muoverlo. Era un braccio fantasma paralizzato. Venne da me e io gli diedi uno specchio come quello, in una scatola, la scatola specchio, giusto? E il paziente mette il suo braccio fantasma sinistro, che è stretto in uno spasmo, alla sinistra dello specchio, e il suo braccio normale alla destra dello specchio nella stessa posizione, nella posizione stretta in uno spasmo, e guarda nello specchio e che cosa sperimenta? Vede il fantasma risorto perché vede il riflesso del braccio normale nello specchio ed è come se il fantasma fosse risorto. "Ora", dissi, "ora guarda, muovi il fantasma — le tue dita vere, o muovi le tue dita vere mentre guardi nello specchio." Avrà l'esperienza visiva che il fantasma si stia muovendo, giusto? Questo è ovvio, ma la cosa sorprendente è che il paziente dice poi, "O mio Dio, il mio fantasma si muove di nuovo e il dolore, lo spasmo lancinante, è alleviato." E ricordatevi, fu il mio primo paziente — (Applausi) — grazie. (Applausi) Il mio primo paziente venne e guardò nello specchio, ed io dissi, "Guarda il riflesso del tuo fantasma." E lui cominciò a ridere e disse, "Posso vedere il mio fantasma." Ma non è stupido. Lo sa che non è reale. Lo sa che è un riflesso nello specchio, ma è una esperienza sensoriale vivida. "Ora", dissi, "Muovi la tua mano normale e il fantasma." Lui rispose, "O, non posso muovere il fantasma. Lo sai. Fa male." Io dissi, "Muovi la tua mano normale" E lui, "O mio Dio, il mio fantasma si muove di nuovo, non ci posso credere! E il mio dolore è alleviato." OK? E poi gli dissi, "Chiudi gli occhi." Lui chiuse gli occhi. "E muovi la mano normale." "Oh, niente — è di nuovo paralizzata." "OK, apri gli occhi." "O mio Dio, o mio Dio, si muove di nuovo!" Era proprio come un bambino in un negozio di dolci. Ho detto, OK, questo conferma la mia teoria sulla paralisi appresa e il ruolo importante dell'input visivo ma non riceverò un premio Nobel per aver fatto muovere a qualcuno il suo arto fantasma. (Risate) (Applausi) E' un'abilità completamente inutile, se ci pensate. (Risate) Ma poi ho cominciato a capire che forse altre forme di paralisi che vediamo in neurologia, come ictus, distonia focale — possono avere una componente appresa che si può superare con il semplice utilizzo di uno specchio. Quindi ho detto, "Guarda, Derek" — prima di tutto, il tizio non può portarsi in giro uno specchio per alleviare il dolore — Ho detto, "Guarda, Derek, portalo a casa ed esercitati per una settimana o due. Forse, dopo un periodo di pratica, potrai fare a meno dello specchio, disimparare la paralisi e cominciare a muovere il tuo braccio paralizzato, e quindi liberarti del dolore." Lui ha detto OK e lo portò a casa. Ho detto, "Guarda, sono solo due dollari. Portatelo a casa." Così lo portò a casa e dopo due settimane mi telefona dicendo, "Dottore, non ci crederà." Ho detto, "Cosa?" Lui disse, "E' sparito." Ho detto, "Cosa è sparito?" Ho pensato che la scatola specchio fosse scomparsa. (Risate) E lui , "No, no, no, sa il fantasma che ho avuto negli ultimi 10 anni?" E' scomparso." E io — mi sono preoccupato, ho detto, mio Dio voglio dire, ho cambiato l'immagine corporea di questo individuo, cosa capita a livello di soggetti umani, etica e tutto ciò? E ho detto, "Derek, questo ti dà fastidio?" Lui rispose "No, negli ultimi tre giorni non ho avuto il braccio fantasma e quindi nessun dolore al gomito fantasma, nessuno spasmo, nessun dolore all'avambraccio fantasma, tutti i dolori sono spariti. Ma il problema è che ho ancora le dita fantasma penzolanti dalla spalla, e la Sua scatola non ci arriva." (Risate) "Quindi potrebbe cambiare il design e mettermela sulla fronte così da eliminare le mie dita fantasma?" Credeva fossi una specie di mago. Ora, perché questo accade? E' perché il cervello si confronta con un tremendo conflitto sensoriale. Riceve messaggi dalla vista, che dicono che il fantasma è tornato. D'altro canto, non c'è la percezione adeguata, i segnali dei muscoli dicono che non c'è un braccio, giusto? E i comandi motori dicono che il braccio c'è, e per questo conflitto il cervello dice "Ah, all'inferno" non c'è un fantasma, non c'è un braccio, giusto? Va in una specie di negazione — nega i segnali. E quando il braccio scompare, il bonus è che il dolore scompare non si può avere del dolore scorporato che galleggia nello spazio. Quindi questo è il bonus. Ora, questa tecnica è stata provata su dozzine di pazienti da altri gruppi a Helsinki e sembra valida come trattamento per il dolore fantasma, e già, altre persone l'hanno provata per la riabilitazione da ictus. L'ictus, lo si pensa come un danno delle fibre, nulla si può fare al riguardo. Ma a quanto pare una parte della paralisi da ictus è anche la paralisi appresa e forse quella componente si può superare usando gli specchi. Ed è stato testato anche negli studi clinici, aiutando moltissimi pazienti. OK, fatemi cambiare rotta verso la terza parte del mio talk, nel quale tratto un altro strano fenomeno chiamato sinestesia. Questo fu scoperto da Francis Galton nel XIX secolo. Era un cugino di Charles Darwin. Evidenziò il fatto che alcune persone nella popolazione, che erano completamente normali, avevano la seguente peculiarità — tutte le volte che vedono un numero, è colorato. Cinque è blu, sette è giallo, otto è verdolino, nove è indaco, OK? Ricordate, queste persone sono completamente normali per altri aspetti. Oppure C diesis. A volte le note evocano un colore. C diesis è blu, F diesis è verde, un altro tono potrebbe essere giallo, giusto? Perché questo accade? Questa viene chiamata sinestesia - Galton la chiamò sinestesia, un mescolamento di sensi. In noi, tutti i sensi sono distinti. Queste persone mescolano i loro sensi. Perché questo accade? Uno dei due aspetti di questo problema è molto intrigante. La sinestesia corre nelle famiglie, quindi Galton disse che aveva una base ereditaria, una base genetica. In secondo luogo, la sinestesia riguarda — e questo mi porta al punto il tema principale di questa conferenza, ovvero la creatività — la sinestesia è otto volte più comune tra gli artisti, poeti, scrittori e nelle persone creative più che nella gente normale. Perché? Risponderò a questa domanda. Non è mai stata data una risposta in precedenza. OK, che cos'è la sinestesia? Che cosa la provoca? Ebbene, ci sono molte teorie. Una teoria è che sono pazzi. Non è molto scientifica, quindi possiamo scordarla. Un'altra teoria è che sono dei drogati, giusto? Ora, potrebbe esserci un nocciolo di verità perché è molto più comune qui, nella Baia di San Francisco che a San Diego. (Risate) OK. Ora, la terza teoria è che — chiediamoci che cosa realmente succede nella sinestesia? D'accordo? Dunque troviamo che l'area dei colori e l'area dei numeri sono proprio attaccate nel cervello, nel giro fusiforme. E abbiamo concluso che ci sono delle connessioni accidentali tra colori e numeri nel cervello. Quindi tutte le volte che vedi un numero, vedi il colore corrispondente, e questo è il motivo per cui si ha la sinestesia. Ora ricordate — perché questo accade? Perché dovrebbero esserci queste connesioni in alcune persone? Ricordate che ho detto che corre nelle famiglie? Questo vi dà l'indizio. C'è un gene anormale, un gene mutato che provoca queste connessioni anormali. Tutti noi, a quanto pare, siamo nati con tutto collegato a tutto il resto. Quindi ogni area del cervello è collegata a tutte le altre aree e queste sono "potate" per creare l'architettura modulare caratteristica del cervello adulto. Quindi se c'è un gene che causa questa "potatura" e se il gene muta, allora abbiamo una potatura scarsa tra aree del cervello vicine, e se è tra numeri e colori, avremo una sinestesia numeri-colori. Se è tra suoni e colori, avremo sinestesia suoni-colori. Finora, tutto bene. Ora, se questo gene si esprime in tutto il cervello e tutto è interconnesso? Ebbene, pensate a cosa gli artisti, scrittori e poeti hanno in comune, l'abilità di pensare metaforicamente, collegando idee apparentemente scorrelate, come, "è l'Est, e Giulietta è il Sole." Dite che Giulietta è il sole — questo significa che è una palla di fuoco splendente? Certo, gli schizofrenici lo fanno, ma questa è un'altra storia, giusto? Uno normale dice che è calda come il sole, raggiante come il sole, accogliente come il sole. Istantaneamente avete trovato i collegamenti. Ora, se supponiamo che il maggior numero di connessioni e concetti si esprime anche in altre parti del cervello allora creerà una propensione maggiore verso il pensiero metaforico e la creatività nelle persone con sinestesia. Da qui, l'incidenza otto volte maggior di sinestesia tra poeti, artisti e scrittori. OK — è una visione molto frenologica della sinestesia. L'ultima dimostrazione — posso avere un minuto? (Applausi) OK. Vi dimostrerò che siete tutti sinesteti, anche se lo negate. Questo io lo chiamo alfabeto Marziano, proprio come il vostro alfabeto, A è A, B è B, C è C, forme diverse per fonemi diversi, giusto? Qui avete l'alfabeto Marziano. Uno di questi è Kiki, uno è bouba. Quale è Kiki e quale è bouba? Chi di voi pensa che questo è Kiki e questo è bouba? Alzate le mani. Bene, abbiamo uno o due mutanti. (Risate) Chi di voi pensa che questo è bouba, questo Kiki? Alzate le mani. Il 99% di voi. Ora, nessuno di voi è Marziano, come avete fatto? E' perché tutti voi fate una connessione — astrazione sinestetica — del significato, dite che quella inflessione acuta, Kiki, nella corteccia uditiva, le cellule ciliate che vengono eccitate, Kiki, mima l'inflessione visiva — cambio improvviso — di quella forma dentellata. Questo è molto importante, perché vi dice che il vostro cervello ritorna primitivo — è solo — sembra un'illusione stupida, ma i fotoni nel vostro occhio disegnano questa forma, e le cellule ciliate nel vostro orecchio eccitano le vie uditive, ma il cervello è in grado di estrarre il denominatore comune. E' una forma primitiva di astrazione, ed ora sappiamo che questo accade nel giro fusiforme del cervello perché quando è danneggiato, queste persone perdono l'abilità di distinguere bouba Kiki ma perdono anche l'abilità di comprendere le metafore. Se chiedo a questo individuo, "Non tutto quel che brilla è oro," che cosa significa?" Il paziente dice, "Ebbene, se è metallico e lucente non è detto che sia oro." Devi misurare il peso specifico, OK? Questi perdono completamente il significato metaforico. Dunque quest'area è otto volte più grande nei superiori — specialmente negli umani, che nei primati inferiori. Qualcosa di molto interessante accade qui nel giro angolare, perché è il crocevia tra udito, vista e tatto, ed è diventato enorme negli umani — e accade qualcosa di molto interessante. Ed io credo sia alla base di molte abilità unicamente umane come l'astrazione, la metafora e la creatività. Tutte queste domande, che i filosofi hanno studiato per millenni, noi scienziati cominciamo ad esplorarle attraverso le neuroimmagini, studiando i pazienti e ponendo le domande giuste. Grazie. (Applausi) Mi dispiace. (Risate)