Melissa Fleming
1,759,149 views • 19:15

Ogni giorno, sento storie strazianti di persone che fuggono dalle loro vite, attraverso confini pericolosi e mari non amichevoli. Ma c'è una storia che mi tiene sveglia la notte, e riguarda Doaa.

Rifugiata siriana, 19 anni, lei stava vivendo una dolorosa esistenza in Egitto lavorando con paga giornaliera. Suo padre stava pensando costantemente alla sua fiorente attività in Siria che è stata ridotta in pezzi da una bomba. E la guerra che li ha condotti lì stava ancora infuriando nel suo quarto anno.

E la comunità che una volta li aveva accolti si è stancata di loro. Un giorno, un uomo in motocicletta ha cerato di rapirla. Una volta era un'aspirante studentessa che pensava solo al suo futuro, ora era spaventata tutto il tempo.

Ma lei era ancora piena di speranze, perché era innamorata di un rifugiato siriano di nome Bassem. Bassem stava anche combattendo in Egitto, e disse a Doaa: "Andiamo in Europa; cerchiamo asilo, sicurezza. Io lavorerò, tu potrai studiare - la promessa di una nuova vita." Così la chiese in sposa a suo padre .

Ma sapevano che per venire in Europa dovevano rischiare le loro vite, viaggiando attraverso il Mar Mediterraneo, mettendosi in mano ai trafficanti, noti per la loro crudeltà. E Doaa era terrorizzata dall'acqua. Lo è sempre stata. Non ha mai imparato a nuotare.

Era l'agosto di quell'anno, e già 2000 persone erano morte cercando di attraversare il Mediterraneo, ma Doaa sapeva di un amico che ce l'aveva fatta, arrivando fino al Nord Europa, e ha pensato: "Forse ce la facciamo anche noi." Così ha chiesto ai suoi genitori se potevano andare, e dopo una faticosa discussione, hanno acconsentito, e Bassem ha speso tutti i suoi risparmi - 2.500 dollari a testa - ai trafficanti.

Era un sabato mattina quando arrivò la chiamata, e furono portati da un bus sulla spiaggia, centinaia di persone sulla spiaggia. Furono poi presi da piccole barche e messi in un vecchio peschereccio, 500 di loro stipati sulla barca, 300 sotto, 500 sopra. C'erano siriani, palestinesi, africani, musulmani e cristiani, 100 bambini, compresa Sandra - la piccola Sandra, 6 anni - e Masa, 18 mesi. C'erano famiglie sulla barca, stipate insieme spalla a spalla, piede a piede. Doaa era seduta con le sue gambe sul suo petto, Bassem le teneva la mano.

Secondo giorno in mare, erano molto preoccupati e avevano mal di stomaco per il mare agitato.

Terzo giorno, Doaa ha una presentimento. E disse a Bassem: "Ho paura che non ce la faremo. Ho paura che la barca andrà a fondo." E Bassem le disse: Sii paziente, Arriveremo in Svezia, ci sposeremo e avremo un futuro."

Quarto giorno. i passeggeri si iniziano ad agitare. Chiesero al capitano: "Quando arriveremo?" Gli disse di stare zitti, e li insultò. Disse: "Fra 16 ore dovremmo raggiungere le coste dell'Italia." Erano deboli e stanchi. Videro una barca avvicinarsi- una barca più piccola, 10 uomini a bordo, che iniziarono a urlargli contro, lanciando insulti, gettando bastoni, dicendo a tutti loro di sbarcare e salire su questa barca più piccola e più insicura. I genitori erano spaventati per i loro bambini, e rifiutarono collettivamente di sbarcare. Così la barca schizzò via con rabbia, e un'ora e mezza dopo, tornò e iniziò volutamente a speronare la barca di Doaa sul fianco, proprio sotto dove erano seduti lei e Bassem. E lei sentì come urlarono: "Andrete in pasto ai pescecani!" E iniziarono a ridere quando la barca si capovolse e affondò.

Le 300 persone che erano sottocoperta erano condannate. Doaa era aggrappata al lato della barca mentre affondava, e vide con orrore un piccolo bambino che veniva fatto a pezzi dall'elica. Bassem le disse:" Per favore molla la presa, o sarai trascinata e l'elica ucciderà anche te." E ricordate - lei non sa nuotare. Ma lei mollò la presa e iniziò a muovere le sua braccia e le sue gambe, pensando: "Questo è nuotare." E miracolosamente, Bassem trovò un salvagente. Era una di quelle ciambelle per bambini che usano per giocare in piscina o al mare. Doaa si arrampicò sul salvagente, le sue braccia e le sue gambe erano penzoloni ai lati. Bassem era un buon nuotatore, così afferrò la sua mano e si fece strada in acqua. Attorno a loro c'erano cadaveri. All'inizio c'erano circa 100 sopravvissuti e iniziarono a raggrupparsi, pregando di essere salvati. Ma dopo un giorno senza nessun arrivo alcune persone persero la speranza, e Doaa e Bassem videro come degli uomini in lontananza si tolsero il loro salvagente e annegarono.

Un uomo si avvicinò loro con una bambina appoggiata sulla sua spalla, aveva 9 mesi - Malek. Si teneva su una bombola di gas per rimanere a galla, e disse loro: "Ho paura di non sopravvivere. Sono troppo debole. Non ce la faccio più." E passò la piccola Malek a Bassem e a Doaa, e loro la posizionarono sul salvagente. Così ora erano in tre, Doaa, Bassem e la piccola Malek.

E permettetemi di fare una pausa in questa storia proprio qui e fare la domanda: perché i rifugiati come Doaa si prendono tutti questi rischi? Milioni di rifugiati stanno vivendo in esilio, in un limbo. Stanno vivendo in paesi [fuggendo] da una guerra che sta infuriando da quattro anni. Anche se volessero ritornare, non potrebbero. Le loro case, le loro attività, i loro paesi e le loro città sono state completamente distrutte. Questa è una Città di Patrimonio Mondiale dell'UNESCO, Homs, in Siria. Per questo le persone continuano a fuggire verso paesi vicini, e noi costruiamo campi profughi per loro nel deserto. Centinaia di migliaia di persone vivono in campi come questi, e migliaia e migliaia ancora, milioni, vivono nei paesi e nelle città. E le comunità, i paesi vicini che una volta li hanno accolti calorosamente a braccia aperte sono sopraffatti. Non ci sono semplicemente abbastanza scuole, sistemi idraulici, sanità. Nemmeno i paesi ricchi europei potrebbero accogliere un simile afflusso senza un enorme investimento. La guerra in Siria ha costretto almeno quattro milioni di persone oltre i confini, ma più di sette milioni di persone sono in fuga all'interno del paese. Ciò significa che più della metà della popolazione siriana è stata costretta a fuggire. Verso quei paesi vicini che ne accolgono già tanti. Loro pensano che il mondo più ricco ha fatto troppo poco per supportarli. E i giorni si trasformano in mesi, i mesi in anni. Si suppone che l'essere rifugiato sia temporaneo.

Tornando a Doaa e a Bassem nell'acqua. Era il loro secondo giorno, e Bassem stava diventando molto debole. E ora era il turno di Doaa di dire a Bassem: "Amore mio, per favore continua a sperare, per il nostro futuro. Ce la faremo." E lui le disse: "Perdonami, amore mio, per averti messa in questa situazione. Non ho mai amato nessuna come amo te." E si lasciò andare in acqua, e Doaa vide come l'amore della sua vita annegava davanti ai suoi occhi.

Più tardi quel giorno, una madre raggiunse Doaa con la sua piccola figlia di 18 mesi, Masa. Era la piccola bambina che vi ho mostrato nella foto prima, con il suo salvagente. Sua sorella più grande Sandra era appena annegata, e sua madre sapeva che doveva fare tutto ciò che era in suo potere per salvare sua figlia. E disse a Doaa: "Per favore, prendi questa bambina. Lasciala essere parte di te. Io non sopravviverò." E poi si allontanò e annegò.

Così Doaa, la rifugiata di 19 anni che aveva il terrore dell'acqua, che non sapeva nuotare, si trovò responsabile di due piccoli bambini. E avevano sete e avevano fame ed erano agitati, e lei faceva del suo meglio per distrarli, cantando loro, e narrandogli passi del Corano. Attorno a loro, i corpi si gonfiavano e diventavano neri. Il sole bruciava durante il giorno. Di notte, c'era una fredda luna e la nebbia. Era molto spaventoso. Il quarto giorno in acqua, probabilmente così appariva Doaa sul salvagente con i suoi due bambini.

Una donna arrivò il quarto giorno e si avvicinò a lei e le chiese di prendere un'altro bambino - un ragazzino, di appena quattro anni. Quando Doaa prese il bambino e la madre annegò, disse al bambino che piangeva: "È solo andata a cercarti acqua e cibo." Ma il suo cuore si fermò presto, e Doaa dovette lasciare il bambino in acqua.

Più tardi quel giorno, guardò verso il cielo con speranza, perché vide due aerei attraversare il cielo. E lei dimenava le braccia, sperando potessero vederla, ma gli aerei se ne andarono subito.

Ma quel pomeriggio, quando il sole stava tramontando, vide una barca, una nave mercantile. E disse:" Ti prego Dio, fa che mi salvino." Lei agitava le braccia e le sembrò di urlare per due ore. Ed era diventato buio, ma finalmente i fari la trovarono e loro lanciarono una corda, stupiti di vedere una donna che teneva due bambine.

Le portarono sulla barca, diedero loro ossigeno e coperte, e un elicottero greco venne a prenderle per portarle sull'isola di Creta.

Ma Doaa guardò in basso e chiese: "Che ne è di Malek?" E loro dissero che la bambina non era sopravvissuta - ha esalato il suo ultimo respiro sull'infermeria della barca. Ma Doaa era sicura che quando erano state prese sulla nave di salvataggio, la bambina stava sorridendo.

Solo 11 persone sopravvissero a quel naufragio. Su 500. Non c'è mai stata un'investigazione internazionale su cosa accadde. Ci sono stati alcuni reportage dei media riguardo gli omicidi di massa in mare, una terribile tragedia, ma solo per un giorno. E poi il ciclo delle notizie continuò.

Nel frattempo, nell'ospedale pediatrico di Creta, la piccola Masa stava per morire. Era molto disidratata. I suoi reni stavano cedendo. Il suo livello di glucosio era pericolosamente basso. I dottori fecero tutto ciò che era nel loro potere medico per curarli, e le infermiere greche non lasciarono mai il suo letto, la stringevano, la abbracciavano, le cantavano filastrocche. Anche i miei collaboratori le fecero visita e le dissero parole dolci in Arabo. Incredibilmente, la piccola Masa sopravvisse.

E presto la stampa greca iniziò a scrivere di una bambina miracolata, che è sopravvissuta quattro giorni in mare senza cibo e niente da bere, e le richieste per adottarla vennero da tutto il paese.

E nel frattempo, Doaa era in un altro ospedale di Creta, deperita, disidratata. Una famiglia egiziana la portò a casa loro non appena fu dimessa. E presto circolarono voci sulla sopravvivenza di Doaa, e un numero di telefono fu pubblicato su Facebook. I messaggi iniziarono ad arrivare.

"Doaa, sai cosa è successo a mio fratello? A mia sorella? Ai miei genitori? Ai miei amici? Sai se sono sopravvissuti?"

Uno di questi messaggi recitava: "Credo tu abbia salvato la mia nipotina, Masa" E aveva questa foto. Veniva dallo zio di Masa, un rifugiato siriano che era andato in Svezia con la sua famiglia e anche la sorella più grande di Masa. Presto, speriamo, Masa si riunirà a lui in Svezia, e fino ad allora, lei è stata affidata ad un bellissimo orfanotrofio di Atene.

E Doaa? Beh, sono anche circolate voci della sua sopravvivenza. E i media hanno scritto di questa esile donna, e non riuscivano ad immaginare come avesse potuto sopravvivere tutto quel tempo con simili condizioni in quel mare, e salvando anche un'altra vita. L'Accademia di Atene, una delle più prestigiose istituzioni greche le ha consegnato un premio per il coraggio, e lei merita tutta questa ricompensa, e merita una seconda opportunità. Ma lei vuole ancora andare in Svezia. Vuole riunirsi con la sua famiglia lì. Vuole portare sua madre, suo padre e i suoi fratelli più piccoli via dall'Egitto appena possibile, e credo che avrà successo. Vuole diventare un avvocato o un politico o qualcosa che possa aiutare a combattere l'ingiustizia. Lei è una superstite straordinaria.

Ma devo chiederlo: E se non avesse dovuto affrontare questo rischio? Perché ha dovuto affrontare tutto questo? Perché non c'era un modo legale per lei di studiare in Europa? Perché Masa non avrebbe potuto prendere un aereo per la Svezia? Perché Bassem non avrebbe potuto trovare lavoro? Perché non c'è un programma di ripopolamento per i rifugiati siriani, vittime della peggiore guerra del nostro tempo? Il mondo lo ha fatto per i vietnamiti negli anni '70. Perché ora no? Perché c'è così poco investimento per i paesi vicini che ospitano così tanti rifugiati? E perché, domanda fondamentale, è stato fatto così poco per fermare le guerre, le persecuzioni e la povertà che sta portando così tante persone verso le coste dell'Europa? Finché questi problemi non saranno risolti, le persone continueranno a prendere il mare e a cercare sicurezza e asilo.

E cosa succederà poi? Beh, è in gran parte una scelta dell'Europa. E comprendo i timori dell'opinione pubblica. La gente è preoccupata per la sua sicurezza, per i propri affari, per i cambiamenti culturali. Ma è più importante che salvare vite umane? Perché qui c'è qualcosa di fondamentale che credo sia più importante di tutto resto, e riguarda la nostra comune umanità. Nessuno che fugge dalla guerra o dalla persecuzione dovrebbe morire attraversando il mare in cerca di sicurezza.

(Applausi)

Una cosa è certa, che nessun rifugiato vorrebbe essere su quelle barche pericolose se potessero vivere dove si trovano. E nessun migrante affronterebbe questo viaggio pericoloso se avessero abbastanza cibo per loro e per i loro bambini. E nessuno metterebbe i suoi risparmi nelle mani di questi noti trafficanti se ci fosse un modo legale per emigrare.

Per la piccola Masa e per Doaa e Bassem e per quelle 500 persone che sono annegate con loro possiamo essere sicuri che non siano morti invano? Possiamo essere inspirati da ciò che è successo, ed essere a favore di un mondo in cui conta ogni vita?

Grazie.

(Applausi)