Arunachalam Muruganantham
1,675,576 views • 9:21

Ho provato a fare una piccola cosa per mia moglie. E' la ragione per la quale sono qui, la fama, i soldi che ci ho guadagnato. Dunque, mi sono ricordato del primo periodo del mio matrimonio. Ciò che facevate all'inizio del vostro matrimonio era cercare di impressionare vostra moglie. Io ho fatto la stessa cosa. In quell'occasione, ho trovato mia moglie che nascondeva qualcosa, così. Lo vidi, e chiesi cosa fosse. E lei mi disse di farmi gli affari miei. Così poi, dato che ero suo marito, la seguii e vidi che si trattava di un orribile pezzo di stoffa. Non uso quella stoffa neanche per pulire la mia moto. Poi capii che si trattava di un metodo antigienico che utilizzava per le mestruazioni.

E quindi le chiesi immediatamente perché stesse usando quello straccio antigienico. Lei rispose di essere a conoscenza degli assorbenti, ma lei e le sue sorelle, se avessero cominciato ad usarli, a casa avrebbero dovuto rinunciare al latte. Così fui sconvolto. Che relazione c'è tra un assorbente e il latte? La risposta si chiama accessibilità. Provai a impressionare la mia nuova moglie offrendole un pacco di assorbenti. Andai in un negozio, e cercai di comprarle un pacco di assorbenti. Il ragazzo si guardò intorno, aprì un giornale, e li arrotolò nel giornale, me li passò come se fossero illegali. Non so perché. Mica avevo chiesto un preservativo. Così presi quel pacco. Lo volevo vedere, mi chiedevo cosa ci fosse dentro.

La prima volta, a 29 anni, quel giorno toccai un assorbente per la prima volta. Mi chiesi quanti ragazzi avevano avuto l'opportunità di toccarne uno. Solitamente nessuno, perché non è roba da ragazzi. Poi pensai, vedendo questa roba bianca fatta di cotone, "Oddio, questo materiale è così povero che può valere un penny, e invece li vendono per qualche sterlina o dollaro." E così decisi di fare assorbenti per la mia nuova moglie. E' così che cominciò tutto, ma dopo averne fatto uno, come avrei potuto controllare che funzionasse? Non è come fare un controllo in laboratorio. Avrei avuto bisogno di una volontaria. E dove avrei potuto trovarla in India? Neanche a Bangalore l'avrei trovata. Quindi l'unica vittima disponibile sarebbe stata mia moglie.

Ne feci uno e lo diedi a Shanti, mia moglie. "Chiudi gli occhi. Qualunque cosa io ti dia, non sarà una collana di diamanti o un anello di diamanti, neanche un cioccolatino, ti darò una sorpresa arrotolata in una carta colorata. Chiudi gli occhi". Cercai di rendere la cosa intima. Si tratta di un matrimonio combinato, non di un matrimonio basato sull'amore. (Risate) Così un giorno mi disse, apertamente, che non avrebbe collaborato alla mia ricerca. Così dovetti cercare altre vittime, le mie sorelle. Ma anche le sorelle, come le mogli, non sono pronte a collaborare. Per questo sono sempre geloso dei Santi in India. Hanno un sacco di donne che si offrono volontarie intorno a loro. Perché io invece non ne trovo nessuna? Sapete, i Santi non hanno neanche bisogno di chiamarle, ne hanno un sacco intorno a loro. Così poi decisi di usare le ragazze del college di medicina. E anche loro si rifiutarono. Alla fine, decisi di usare l'assorbente su me stesso. Immaginavo già un titolo simile a quello di quando l'uomo andò sulla luna. Armstrong. Poi Tenzing e Hilary, sull'Everest, e poi quel Muruganatham che fu il primo uomo sulla terra a indossare un assorbente.

Così lo indossai. Riempii una bottiglietta con del sangue animale, me la legai attorno, c'era un tubo che finiva nelle mie mutande, e così mentre camminavo, o andavo in bici, premevo e il sangue finiva nelle mutande. Io ora mi inchino davanti ad ogni donna come segno di rispetto. Quei cinque giorni non li dimenticherò mai, che giorni difficili, giorni schifosi, tutta quell'umidità. Dio mio, è incredibile.

Il problema è che una compagnia stava facendo fazzoletti di cotone. E stava andando bene. Anch'io stavo cercando di fare degli assorbenti con del buon cotone, ma non stava funzionando. Tutto questo mi fece venir voglia di abbandonare la ricerca. C'è bisogno di finanziamenti all'inizio. Non solo per la crisi finanziaria, ma durante la ricerca sugli assorbenti, ho incontrato molti problemi, incluso un preavviso di divorzio da parte di mia moglie. Perché? Io ho usato delle ragazze del college di medicina. Sospettava che stessi usando questa scusa per correre dietro alle ragazze del college. Alla fine capii che si usa una cellulosa speciale ricavata dai pini, ma anche dopo questo, avrei avuto bisogno di un impianto costosissimo come questo per lavorare quel materiale. Ecco quindi un altro intoppo. Così ho impiegato altri quattro anni per creare la mia macchina, una cosa semplice come questa. In questa macchina, qualunque donna di campagna può impiegare gli stessi materiali grezzi che utilizzano nelle multinazionali, chiunque può fare un fazzoletto per la vostra sala da pranzo. Questa è la mia invenzione.

Dopo ciò, solitamente se qualcuno ha un brevetto o un'invenzione, immediatamente la vuole convertire in denaro. Io non l'ho mai fatto. L'ho lasciata così, perché tu fai così se qualcuno è in cerca di soldi, ma a quel punto la vita non sarà bella. Sarà monotona. Molte persone fanno un sacco di soldi, accumulano milioni di dollari. Alla fine qual è il motivo, per filantropia? Perché accumulano soldi e poi fanno beneficenza? Che succederebbe se qualcuno facesse beneficenza sin dal principio? Per questo io sto dando quest'apparecchio esclusivamente nell'India rurale, per le donne di campagna, perché in India, questo vi sorprenderà, solo il 2% delle donne usa assorbenti. Il resto usa uno straccio, una foglia, una buccia, della segatura, insomma tutto tranne che assorbenti. E' lo stesso anche nel ventunesimo secolo. Per questo ho deciso di dare questa macchina solo alle donne povere dell'India. Fin'ora, ci sono state 630 installazioni in 23 Stati in sei Paesi.

Adesso sono sette anni che combatto le multinazionali, facendo riflettere tutti gli studenti del master in amministrazione. Come potrebbe permettersi questa ricerca una scuola sperduta di Coimbatore, per esempio? Questo mi rende professore e lettore in tutti gli istituti di management. (Applauso) Ecco il primo video.

Quello che vidi nelle mani di mia moglie, "Perché stai usando quello straccio?" Lei rispose, "Lo so che ci sono gli assorbenti, ma se comincio a usarli, allora saremo costretti a rinunciare al latte." Così decisi di fabbricare degli assorbenti economici. E decisi di vendere questa macchina esclusivamente alle donne rurali. E' quella la mia idea.

Prima ci sarebbe voluto un investimento multimilionario per la macchina, e così via. Adesso, tutte le donne rurali possono farlo. Stanno cantando il "Puja". (Canto) Noi pensiamo che competere con i giganti, anche da università come Harvard, Oxford, sia difficile. Io ho dato la possibilità a queste donne di competere con le multinazionali. Lo sto facendo da sette anni. Ci sono state 600 installazioni. Qual è la mia missione? Renderò l'India sicura al 100% dal punto di vista dell'uso degli assorbenti. In questo modo darò non meno di un milione di posti di lavoro. E' per questo che non inseguo il denaro. Sto facendo qualcosa di importante. Se dai la caccia ad una ragazza, quella ragazza non ti vorrà. Fai il tuo lavoro in maniera semplice, e quella ragazza verrà a cercarti. Allo stesso modo, non ho mai inseguito Mahalakshmi. E' Mahalakshmi che mi insegue, lo tengo nella tasca posteriore. Non in quella laterale. Sono uno che se lo tiene dietro. E' tutto. Una scuola sperduta ha constatato il problema nella società di non usare assorbenti. Io sto fornendo una soluzione. Ne sono felice. Non voglio che tutto questo diventi un'entità aziendale. Voglio rendere tutto ciò un movimento per la vendita di assorbenti a livello mondiale. Per questo rendo tutti i dettagli di pubblico dominio, come un software aperto. E adesso ci accedono 110 Paesi. Capite? Io classifico le persone in tre categorie: analfabeti, poco istruiti, e con un'istruzione superiore. Quelli poco istruiti hanno fatto questo. Ma cosa faranno per la società quelli con un'istruzione superiore?

Grazie mille. Ciao.

(Applausi)