Return to the talk Return to talk

Transcript

Select language

Translated by Martina Residenti
Reviewed by Ana María Pérez

0:11 Quando avevo 10 anni mio padre mi portò in campeggio sui monti Adirondack, un'area protetta nella parte settentrionale dello stato di New York. La giornata era bellissima. La foresta scintillava. Il sole faceva brillare le foglie come vetro colorato, e se non fosse stato per i sentieri che seguivamo, avremmo potuto pensare di essere i primi esseri umani a scoprire quell'area.

0:36 Siamo arrivati ​​al nostro campeggio. Era un semplice capanno su una sporgenza da dove si vedeva un lago bellissimo e cristallino. Ma dietro il capanno si nascondeva un'orrenda sorpresa. Una discarica di circa 4 metri quadrati fatto di torsoli di mela, cartocci di alluminio, e altri avanzi. E io sono rimasta allibita, molto arrabbiata e profondamente confusa. I campeggiatori erano troppo pigri per riportarsi indietro i loro avanzi, ma chi si aspettavano che pulisse tutto?

1:08 Questa domanda è rimasta con me, e poi si è semplificata. Chi ripulisce la nostra spazzatura? Non importa chi siamo o dove siamo, chi ripulisce Istanbul? Chi ripulisce Rio de Janeiro, oppure Parigi, o Londra? Qui a New York se ne occupa l'amministrazione, che elimina 11 000 tonnellate di immondizia e 2000 tonnellate di riciclo al giorno. Quindi ho voluto scoprire chi sono gli addetti ai rifiuti, volevo capire chi fa questo lavoro, cosa vuol dire indossare quell'uniforme e occuparsi di quei problemi.

1:46 Ho intrapreso un progetto di ricerca con loro. Sono andata sui camion della nettezza urbana e ho intervistato gente che lavora in uffici e strutture di tutta la città, e ho imparato molte cose, ma non ero ancora una di loro. Dovevo andare oltre.

2:01 Così ho iniziato a lavorare come operatrice della raccolta dei rifiuti. Non salivo semplicemente sui camion, ero al volante. Guidavo le spazzatrici e le spalaneve. È stato un onore e un'incredibile esperienza formativa.

2:15 Tutti mi chiedono della puzza. Puzza, ma non così tanto come si pensa. E quando è più forte, ci si abitua in fretta. Richiede molto tempo abituarsi al peso dei sacchi. Ho conosciuto gente che lavorava lì da anni e ancora non si era abituata al peso di portare fisicamente tonnellate di rifiuti ogni settimana.

2:37 Poi c'è il pericolo. Secondo le statistiche del Dipartimento del Lavoro, questo è uno dei 10 lavori più pericolosi negli Stati Uniti, e ho scoperto il motivo. Si è sempre immersi nel traffico ed è sconcertante. Vogliono solo superarti, quindi spesso gli automobilisti non prestano attenzione. Il che è molto pericoloso per il lavoratore. E poi i rifiuti stessi sono pieni di pericoli che spesso cadono dal camion e causano danni terribili.

3:02 Ho anche imparato che la spazzatura non si ferma mai. Quando si cambia prospettiva e si guarda la città da un camion della nettezza urbana, ci si accorge di come la spazzatura è una forza della natura. Non finisce mai. È anche come una forma di respirazione o di circolazione. Deve essere sempre in movimento.

3:22 E poi c'è lo stigma. Ci si mette la divisa e si diventa invisibili a meno che non ci siano problemi, perché il camion sta bloccando il traffico, o si è fermato troppo vicino a qualche casa, o tu sei al bar a prenderti un caffè e la gente ti guarda con disprezzo, e non ti vuole intorno. Trovo lo stigma particolarmente ironico, perché penso che gli addetti alla nettezza urbana fanno il lavoro più importante per le strade della città, per tre motivi: Primo, proteggono la salute pubblica. Se non portassero via l'immondizia in modo efficiente ed efficace tutti i giorni, comincerebbe a fuoriuscire dai contenitori, generando gravi pericoli che metterebbero a rischio la popolazione. Malattie praticamente scomparse da decenni riprenderebbero piede. L'economia ha bisogno di loro. Se non possiamo buttare via il vecchio non abbiamo spazio per il nuovo, e senza consumi, l'economia non gira. Non sto promuovendo il capitalismo, faccio solo presente come funzionano le cose. Terzo, c'è un fattore che chiamo la velocità quotidiana media necessaria. Con questo intendo che ci siamo abituati a spostarci e fare tutto velocemente nel mondo moderno. Non ci interessa aggiustare, pulire, portarci dietro una tazza, una borsa o una bottiglietta d'acqua. Le usiamo, le buttiamo, ce ne dimentichiamo, perché sappiano che c'è chi si occuperà di farle sparire.

4:59 Oggi vi voglio suggerire alcuni modi di pensare all'igiene ambientale che aiutino a migliorare lo stigma e li includa in un progetto di miglioramento e sostenibilità urbana. Il loro lavoro è una sorta di rito liturgico. Sono sulle strade ogni giorno, stessi orari. In molte città indossano un'uniforme. Sappiamo quando arrivano. Ed è grazie al loro lavoro che anche noi possiamo lavorare. Sono una garanzia. Il ritmo del loro lavoro ci salva da noi stessi, dalle nostre scorie, dai nostri avanzi. E questo flusso deve essere mantenuto a tutti i costi.

5:45 La mattina dopo l'11 Settembre sentii il rombo del camion della nettezza in strada e corsi giù con mio figlio in braccio. Vidi il solito addetto, che faceva il giro per la carta, come tutti i mercoledì. E volevo ringraziarlo per aver lavorato in quel giorno, nonostante tutto. Ma scoppiai a piangere. E lui mi guardò, mi fece un cenno e poi disse: "Andrà tutto bene. Andrà tutto bene." Poco tempo dopo ho iniziato il mio progetto di ricerca e l'ho rincontrato. Si chiama Paulie, e abbiamo lavorato insieme tante volte, e siamo diventati amici.

6:26 Voglio tanto credere in quello che mi ha detto. Andrà tutto bene. Ma nei nostri sforzi di riorganizzare la nostra esistenza e il nostro ruolo nel pianeta, dobbiamo tenere in conto ogni costo, compreso il costo umano reale del lavoro. Saremmo ben informati se ci avvicinassimo alle persone che fanno questo lavoro e dalla loro esperienza imparassimo a pensare a come creare sistemi più sostenibili che ci portino dalla raccolta differenziata, che ha fatto grandi progressi negli ultimi 40 anni negli Stati Uniti e in molti altri paesi, e ci sollevino ad un orizzonte più ampio dove cercare altre forme di rifiuti che possano essere attenuati da fonti produttive e industriali. Quello che pensiamo quando parliamo di rifiuti urbani, rappresenta solo il 3% dei rifiuti a livello nazionale. Questa è una cifra importante.

7:26 Così, nel flusso delle vostre giornate, della vostra vita, quando vedrete qualcuno che si occupa di ripulire al vostro posto, fermatevi un attimo, e guardatelo. Fermatevi un attimo, e ringraziatelo.

7:43 (Applausi)